FLAVIA RUBINO è “Strategic Brand Designer e Innovation Coach”, appassionata di branding e comunicazione.  Affianca aziende e professionisti che vogliono rinnovare i loro modelli di business e di comunicazione, applicando le metodologie Lean ai fondamentali del marketing.

Per molti anni ha lavorato come direttore marketing internazionale in grandi aziende del largo consumo, poi il mondo è cambiato velocemente. Dalla fine del 2008, con il suo primo blog,  si è innamorata delle conversazioni digitali e di un nuovo marketing più orizzontale, collaborativo, partecipativo.
Ha fondato The Talking Village, agenzia di Marketing della Conversazione, e YourBrand.Camp, un piattaforma di Influtility, per un influencer marketing basato sull’autentica co-creazione di valore.

Sito thetalkingvillage.it
Facebook flavia.rubino

 

Che rapporto hai con il web e come è cambiato negli ultimi dieci anni?

"Dal punto di vista personale, posso definirlo un rapporto ambivalente, a fasi alterne, in cui dopo i primi anni di grande entusiasmo e creatività è seguita una fase di disincanto, e infine un riavvicinamento più ricco di consapevolezza e maturità.
Dal punto di vista professionale, rimane la più grande rivoluzione della mia vita (non sono una nativa,  ma una migrante digitale), che ha segnato il mio grande salto da manager d’azienda a “self made woman”. Il Web mi ha fatto immaginare e perseguire opportunità che non avrei potuto cogliere prima, e mi ha dato la possibilità e la responsabilità di progetti di marketing che sono sempre nuovi e sono sempre miei, al tempo stesso rafforzando la mia passione per i fondamentali della comunicazione. Il lato negativo? Quando mi chiedono cosa faccio ho ancora qualche difficoltà a mettere insieme un pitch efficace e sintetico. Sono diventata molte cose insieme e ancora mi ci devo abituare. Direttore Marketing era molto più facile da dire…!"

Hai mai partecipato ad un barcamp se sì,  che ricordo hai e che ha rappresentato per te?

"Ho un ricordo molto bello di un Mom Camp a Milano. Era il giugno del 2010, cadeva proprio il giorno del mio compleanno, e vi ero approdata concludendo un mio tour in solitaria con mio figlio di 6 anni: in pratica mezza Italia partendo in macchina da Roma. Venimmo ospitati da  amici conosciuti fino a quel momento solo in rete grazie al mio blog, e toccammo tappe in Umbria, Versilia, passando per Pisa, Genova, Pavia. Lo avevo intitolato “MOM ON THE ROAD”, con tanto di logo ideato da me: ne tenni il diario online e ne raccontai le emozioni prendendo la parola al mio arrivo al Camp. La cosa più divertente era che si trattava di una mia idea e di un’iniziativa personale senza alcuno sponsor, e ricordo che in molti - già allora - se ne meravigliarono".

 

Tre aggettivi per descrivere il tuo Natale Digital 

Libero

"Mi sento libera dalla pressione dei piani editoriali e libera dai doveri dell’apparire. Per questo Natale lascio agli esperti di personal branding le regole su come instagrammare la tavola natalizia perfetta, e condivido qualcosa solo se e quando mi va".

Empatico

"Incontrare nuove persone online e offline è la risorsa più preziosa che il web ci mette a disposizione. Ho imparato a sgonfiare di molto il mio ego e ad esercitare più ascolto e più empatia".

Prezioso
"Il tempo è prezioso, e tutti i giorni lo sono, non solo quelli di festa. Una conseguenza positiva del passare degli anni - non so se lo avete notato anche voi -  è che abbiamo sempre meno voglia di sprecarlo, e desideriamo investirlo solo per le cose, le idee e le persone che ci fanno stare bene."

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *